Il giovane Toscanini di Franco Zeffirelli: l'ode al grande compositore

Inserire immagine
C. Thomas Howell è Arturo Toscanini

Per celebrare il 150mo anniversario di nascita del grande compositore, Sky Cinema Classics propone Il giovane Toscanini di Franco Zeffirelli. L'appuntamento è sabato 25 marzo alle ore 22.50 e domenica 26 alle ore 14.45 

Un film indimenticabile, del 1988, per celebrare il 150mo anniversario della nascita del grande compositore Artuto ToscaniniSky Cinema Classics propone Il giovane Toscanini di Franco Zeffirelli. L'appuntamento è sabato 25 marzo alle ore 22.50 e domenica 26 alle ore 14.45. Il cast è composto, tra gli altri, da Elizabeth Taylor (Nadina Bulichoff), C. Thomas Howell (Arturo Toscanini), Sophie Ward (Margherita), Franco Nero (Claudio Toscanini) e Philippe Noiret (Dom Pedro II).

A otto anni Arturo Toscanini ascolta alla Scala, dove lo ha condotto il padre, la cantante Nadina Bulicioff nell'Aida. La passione divampa in lui al punto che a diciotto anni conosce già a memoria le partiture dei più grandi maestri. Si presenta per un ruolo da violoncellista alla Scala: il temperamento impulsivo ha il sopravvento, insulta la giuria e non ottiene il posto. Rossi, un impresario teatrale, propone a Toscanini di andare a Rio de Janeiro per una rappresentazione dell'Aida. Durante la navigazione Arturo incontra Margherita, giovane aristocratica lombarda colta da vocazione religiosa e diretta Oltreoceano per aiutare i poveri. Galeotta la traversata fra i due nasce un idillio. A Rio, Toscanini incontra Nadina Bulichoff, che, abbandonata la musica per amore dell'imperatore Pedro II, desidera di nuovo esercitarsi, per cantare nell'Aida. Il giovane Toscanini alterna gli incontri didattici con la Bulichoff a quelli con Margherita e alle prove per l'Aida con un direttore d'orchestra di poche qualità. Toscanini viene di nuovo tradito dal suo temperamento irascibile e si sparisce. Ma la sera della prima dell'Aida il direttore d'orchestra viene ripudiato dal pubblico, istigato dalla Bulichoff: si cerca Toscanini per sostituirlo. Lui fa una grande prova, su pressioni sempre della Bulichoff dichiara di essere favorevole alla libertà per gli schiavi. E' il momento di tornare in Europa.