Whiskey Tango Foxtrot, l’avventura afghana di Tina Fey

L’icona della comicità hollywoodiana, Tina Fey, interpreta la giornalista americana Kim Barker che ripercorre la sua vera esperienza di inviata in zona di guerra.  Al fianco dell’imprevedibile amica Kim e del collega scozzese Iain, interpretato da Martin Freeman, la donna inizierà a ad affezionarsi a Kabul e alle sue infinite contraddizioni. Appuntamento, in prima tv, su Sky Cinema Uno, mercoledì 26 aprile alle 21.15.

In un momento in cui l’attualità, non solo televisiva, ci porta in casa venti di guerra a tutte le latitudini, in cui il dramma della vita vera incalza anche l'immaginario, il cinema, da sempre, non rimane indietro e da una sua lettura dei conflitti in corso e quelli che purtroppo arriveranno. Anche con un taglio da commedia politicamente scorretta. E’ il caso di Whiskey, Tango Foxtrot di Glenn Ficarra e John Requa, film in onda su Sky Cinema Uno, mercoledì 26 aprile alle 21.15.

Una prima tv che racconta la vera storia della giornalista di guerra Kim Barker, sbarcata in Afghanistan per documentare quello che accade nel paese. Si ritroverà però di fronte a una realtà inaspettata: tra amicizie con i marines e i locali leader afghani, avrà modo di sperimentare una serie di eventi bizzarri e di lasciarsi travolgere da una cultura di adrenalina e feste.

Diretto da Glenn Ficarra e John Requa e sceneggiato da Robert Carlock, Whiskey Tango Foxtrot adatta il libro di memorie della giornalista Kim Barker (The Taliban Shuffle: Strange Days in Afghanistan and Pakistan), che ripercorre la sua vera esperienza di inviata in zona di guerra. Giornalista della tv via cavo, Kim si rende conto che alla sua abitudinaria esistenza manca qualcosa e prende la folle decisione di seguire un compartimento militare in Afghanistan. Un modo strampalato per rimettere  insieme i pezzi della sua vita in un posto decisamente anomalo per farlo, dove la guerra ha stravolto ogni regola generale del vivere, dove tutto sembra sul punto di crollare.

La cronaca ci racconta che nel 2002 la vera Kim Barker arrivò per la prima volta a Kabul, in Afghanistan, del tutto impreparata a ciò che stava per sperimentare in prima persona. Lontano dalla sua confortevole vita americana, è improvvisamente catapultata in una zona di guerra fuori controllo piena di pericoli e di corruzione di giorno ma divertente e anche romantica di notte. Da brava giornalista che vuole osservare da vicino i fatti, Kim si ritroverà così a dover dare un senso alle cose assurde che accadevano nella sua vita privata e intorno a lei cercando di non perdere mai la propria natura e vocazione. Il racconto di quelle esperienze sono divenute un libro di memorie, che ha catturato l'attenzione dell'attrice Tina Fey, decisa a realizzarne un film e a interpretare lei stessa il ruolo di Kim.