Facce da Cult: Kevin Spacey

Inserire immagine

Il consueto appuntamento di Sky Cinema Cult con gli interpreti di spicco del cinema italiano e internazionale, a maggio è dedicato all’attore premio Oscar Kevin Spacey. Si parte alle 18.55 con The Big Kahuna. Si prosegue in prima serata con Recount e in secondo serata si chiude con American Beauty. Appuntamento, giovedì 4 maggio a partire dalle 18.55

Sarà per la quinta stagione Frank Underwood in 'House of Cards' (in onda in esclusiva per l'Italia su Sky Atlantic, a partire dal prossimo 31 maggio) . Stiamo parlando dell’immenso Kevin Spacey a cui Sky Cinema Cult dedica il suo consueto appuntamento Facce da Cult (giovedì 4 maggio a partire dalle 18.55) Si parte alle 18.55 con The Big Kahuna, cinica pellicola sul mondo degli affari con l’attore affiancato da Danny DeVito e Peter Facinelli nei panni di tre venditori di una società sull’orlo del fallimento riuniti in Kansas per una convention. In prima serata va avanti con Recount, appassionante cronaca della concitata sfida fra George W. Bush e Al Gore alle elezioni americane del 2000 e in seconda serata con American Beauty che gli valse il secondo premio Oscar.

Ripercorrendo all’indietro la carriera di Spacey non si sarebbe di certo sospettato che sarebbe diventato il numero uno. Infatti L’inizio nel cinema  sembra prospettargli un futuro principalmente da caratterista più che da protagonista, tra l’86 e l’87 recita in Heartburn – Affari di cuore e come cattivo nella serie Oltre la legge – L’informatore. Nel giro di una manciata di anni, però, vince l’Oscar come miglior attore non protagonista per I soliti Sospetti (1995) in cui interpreta un piccolo truffatore, voce narrante del film. Nello stesso anno è la volta di Seven di David Fincher, in cui interpreta un inquietante serial killer, mentre nel 1996 esordisce dietro la macchina da presa con Insoliti criminali e l'anno successivo è nel cast di L.A. Confidential di Curtis Hanson e di Mezzanotte nel giardino del bene e del male di Clint Eastwood. Dopo il thriller Il negoziatore (1998) e l'adattamento della commedia teatrale di David Rabe Hurlyburly Bugie, baci, bambole & bastardi (1998), Kevin è il protagonista insieme ad Annette Bening del film di Sam Mendes, American Beauty (1999), per il quale ottiene un Oscar come migliore attore protagonista. Durante la cerimonia per la consegna di questa seconda statuetta viene applaudito per aver dedicato il premio a Jack Lemmon: Spacey lo ringrazia per il suo ruolo di "amico, mentore e per essere stato la sua ispirazione primaria per la sua celebre interpretazione dell'impiegato C.C. Baxter nel film L'appartamento. Nel 2006 recita in Superman Returns (seconda collaborazione con Bryan Singer), interpretando la parte del nemico giurato di Superman Lex Luthor.