Un orrore venuto da lontano: tutti i film sulla Mummia

Inserire immagine
Sofia Boutella ne La mummia

Giovedì 8 giugno arriva nelle sale La Mummia, film del Dark Universe in cui Tom Cruise deve vedersela con il celebre non-morto, interpretato questa volta dalla franco-algerina Sofia Boutella. Ma i primi passi del mostro bendato su grande schermo risalgono a quasi un secolo fa.

di Marco Agustoni

 

I non-morti hanno inevitabilmente il vizio di risorgere. Dopotutto, si chiamano non-morti mica a caso. E così, giovedì 8 giugno vedremo tornare dal l'aldilà uno dei movie monster più celebri della storia del cinema, con l’uscita nelle sale de La Mummia, primo film del neonato Dark Universe della Universal.

 

A vestire i panni dell’eroe nel film diretto da Alex Kurtzmann ci sarà Tom Cruise, mentre a farsi avvolgere nelle bende della principessa Ahmanet, sepolta viva nell’Antico Egitto per avere ucciso il padre, è l’attrice e ballerina franco-algerina Sofia Boutella. A condividere con loro lo schermo ci saranno poi Russell Crowe nei panni del dottor Henry Jekill, Annabelle Wallis e Jake Johnson.

 

Ma la storia cinematografica della Mummia è lunga e costellata di pellicole, alcune più riuscite, altre sicuramente evitabili. A cominciare ovviamente dal primo film targato Universal che introduce il personaggio, intitolato per l’appunto La Mummia, del 1932. Alla regia c’è il tedesco Karl Freund, mentre il ruolo del sacerdote Imhotep spetta all’immenso Boris Karloff, attore britannico che può essere considerato una delle maggiori icone dell’horror.

 

 

 

 

È subito cult, eppure prima di parlare di un sequel devono passare ben otto anni. È il 1940, in Europa la Seconda Guerra Mondiale infuria mentre a settembre esce nelle sale americane The Mummy’s Hand, di Christy Cabanne. In realtà privo di collegamenti con il primo capitolo, il film è poco più di una copia dell’originale, con l’ex divo del Western Tom Tyler nei panni della mummia, per l'occasione ribattezzata Kharis.

 

Nel 1942 è la volta di The Mummy’s Tomb: questa volta Kharis è interpretato da un altro grande dell’horror, ovvero Lon Chaney Jr., attore che detiene lo “spaventoso” primato di avere interpretato la Mummia, Dracula, Frankenstein e l’Uomo lupo. Solo due anni più tardi Chaney mette a segno una doppietta con The Mummy’s Ghost e The Mummy’s Curse. Ma questa “abbuffata” di mummie segna la fine (almeno per il momento) del franchise della Universal.

 

A risvegliare il mostro dal suo torpore ci penseranno i pavidi Abbott & Costello, i due comici noti in Italia come Gianni e Pinotto. Protagonisti nel 1955 del divertente Il mistero della piramide, dovranno vedersela a modo loro con Klaris, il principe delle tenebre.

 

A partire dal 1959 ci penserà invece la Hammer Films a riesumare a più riprese il personaggio. Si comincia con La mummia di Terence Fisher, in cui Peter Cushing nel ruolo di John Banning fronteggia il temibile Kharis, interpretato questa volta da un eccezionale attore come Christopher Lee, noto soprattutto grazie al suo lavoro nell’ambito del cinema horror (il suo Dracula è uno dei migliori di sempre).

 

 

 

 

Seguono tra il 1964 e il 1971, sempre prodotti dalla Hammer, Il mistero della mummia, Il sudario della mummia ed Exorcismus - Cleo, la dea dell’amore. Ma siamo lontani secoli, anzi millenni dal film di Fisher con Christopher Lee. Forse turbato dagli scarsi risultati, il mostro proveniente dall’Antico Egitto tornerà a dormire per un paio di decenni, tanto da dare l’impressione di essere stato sconfitto in via definitiva. 

 

Ma non è così: già la mummia ricompare nel 1987 nella commedia Scuola di mostri, ma è il 1999 quando il regista Stephen Sommers deciderà di arruolare il simpatico e piacione Brendan Fraser per reintrodurre di prepotenza la celebre creatura nelle sale cinematografiche. La mummia è il primo capitolo di una trilogia di successo, che rilegge l’ormai nota storia in chiave avventurosa, più che horror. Divide con lui lo schermo Rachel Weisz, mentre il ruolo del malvagio Imhotep (si torna al cattivone delle origini) spetta ad Arnold Vosloo. 

 

Seguono La mummia - Il ritorno, del 2002, e La mummia - La tomba dell’Imperatore dragone, del 2008, senza però riuscire ad aggiungere molto al primo film. È invece del 2003 il bizzarro Bubba Ho-Tep, in cui l’amatissimo Bruce Campbell, già protagonista della saga de La casa, interpreta un invecchiato Elvis Presley che se la deve vedere con una mummia decisamente poco simpatica all’interno di una casa di riposo.

 

 

 

 

E finalmente veniamo a oggi. Con La mummia non risorge solo il personaggio millenario, ma anche tutto il mondo dei movie monster della Universal. Il mostro, come detto, sarà interpretato da Sofia Boutella e ci sono tutti gli elementi perché torni a colpire in grande stile, dimostrando ancora una volta che non è possibile uccidere un non-morto. Prima o poi, c’è davvero poco da farci, tornerà. E ci sarà di nuovo da tremare…