Alla scoperta della Roma di Angeli e Demoni

Inserire immagine

Per le prossime vacanze romane seguite l’itinerario percorso dal Professor Langdon nel celebre film ispirato al romanzo di Dan Brown. Dal Pantheon a Castel Sant’Angelo, passando per Piazza San Pietro, ecco un viaggio lungo il cammino degli Illuminati

 

di Floriana Ferrando

Una misteriosa setta segreta. Una serie di omicidi efferati. E la Capitale. È il panorama che fa da sfondo al secondo film della trilogia di Dan Brown, Angeli e Demoni in onda su Sky Cinema il prossimo 9 luglio (il 2 luglio è la volta del Codice da Vinci, il 10 luglio di Inferno). La pellicola di Ron Howard porta Robert Langdon, il simbolista creato dalla penna di Dan Brown e interpretato da Tom Hanks, ad indagare all’interno di Roma e della Città del Vaticano, accompagnando il pubblico in un viaggio al cardiopalma attraverso i tesori artistici ed architettonici della capitale.



Pantheon – Parte da qui il viaggio del professor Langdon. Risalente al 125 A.C., la costruzione si erge nel centro storico di Roma, tra Piazza Navona e la Fontana di Trevi, e la sua particolarità è il grande buco che si trova al centro della cupola, unica fonte di luce del posto. Proprio questo dettaglio ha portato il professore a recarsi qui, dovendo risolvere un intricato enigma che chiedeva di trovare l’antica chiesa con il “foro del diavolo”.



Santa Maria della Vittoria – Costruita a metà del XV secolo, è visitata soprattutto perché ospita L'Estasi di Santa Teresa, una delle più celebri sculture del Bernini (anche la facciata della chiesa è stata progettata dall’artista). La statua rappresenta il momento in cui la Santa ha avuto la visione di un angelo che le trafigge il cuore.

Santa Maria del Popolo - La chiesa si trova in Piazza del Popolo, a nord delle principali attrazioni della Capitale. Ospita due quadri di Caravaggio, il Martirio di San Pietro e la Conversione di San Paolo, ma è la Cappella Chigi la vera protagonista all’interno di Angeli e demoni: anche qui è una scultura del Bernini a fare da centro alla pellicola.

Castel Sant'Angelo – Collegato al Vaticano attraverso il corridoio fortificato del "passetto", l’edificio conosciuto anche con il nome di Mausoleo di Adriano si trova sulla sponda destra del Tevere e ha un ruolo centrale nel romanzo di Dan Brown, perché secondo la leggenda rappresenta una tappa importante del cammino degli Illuminati. Originariamente costruito nella metà del II secolo come un mausoleo per l'imperatore romano Adriano e sua moglie, Castel Sant'Angelo è servito negli anni da roccaforte e castello. Attualmente è un museo.



Fontana dei Quattro Fiumi – Una corsa contro il tempo quella che conduce il protagonista di Angeli e Demoni a Piazza Navona, nella fontana che occupa il centro di uno degli angoli più affollati della città. Dallo squisito sapore barocco, la fontana è stata realizzata nel 1651 da Gian Lorenzo Bernini e funziona da supporto ad un obelisco. Riuscirà Langdon, questa volta, ad avere la meglio sulla setta degli Illuminati?

Piazza San Pietro – Alcune delle scene salienti del film hanno la celebre piazza come sfondo, che è stata ricostruita in scala. Sono due in particolare gli elementi che guidano Langdon attraverso la sua ricerca contro il tempo: l’obelisco al centro della piazza che segna idealmente i confini tra la città di Roma e lo Stato Vaticano e ai piedi di esso il West Ponente, bassorilievo del Bernini rappresentante il vento. Nel film la piazza è presa d’assalto da migliaia di fedeli in attesa della fumata bianca che segna la nomina del nuovo Papa. Entrando nella basilica, poi, è la tomba di Pietro, il primo papa, ad essere testimone di una delle scene più raccapriccianti del film.

Bernini - West ponente

Gli archivi segreti - Per venire a capo della serie di omicidi che rischiano di mettere in pericolo l’intera Città del Vaticano il Professor Langdon deve consultare gli antichi documenti custoditi nella Biblioteca Vaticana: i turisti, però, qui non sono ammessi. L’archivio segreto del Vaticano contiene materiali e testi sacri dall'ottavo secolo a oggi, compreso quello con cui Papa Leone X scomunicò Martin Lutero nel 1521. Con oltre 35 mila volumi e 85 chilometri di scaffali, secondo la BBC è una delle biblioteche più inaccessibili al mondo.



La Reggia di Caserta – Avete presente la scalinata in marmo percorsa dai cardinali e dal camerlengo con il volto di Ewan McGregor che si vede più volte nel film? Si tratta della Reggia di Caserta, al cui interno sono state girate varie scene ambientate nello Stato Pontificio, che ha vietato le riprese del film in molte chiese della città.