Star Wars, il film su Han Solo rimane senza registi

Inserire immagine
Il cast di Han Solo: A Star Wars Story

A riprese ormai in corso, lo spin-off della saga di Star Wars dedicato al personaggio di Han Solo perde i registi Phil Lord e Chris Miller a causa di insanabili "divergenze creative". E tra i possibili sostituti spunta il nome di Ron Howard.

Nelle ultime ore i fan di Star Wars devono avere sentito una vibrazione, forse addirittura una scossone nella Forza. La notizia che Phil Lord e Chris Miller, i due registi dello spin-off dedicato al giovane Han Solo, sono stati licenziati, non è infatti di quelle che passano inosservate.

 

Oltretutto, la pellicola su Han Solo rimane senza registi quando ormai le riprese sono già in fase avanzata, fatto non unico a Hollywood, ma quantomeno inusuale. E spesso indice di seri problemi di produzione.

 

Per tranquillizzare gli appassionati, va però anche detto che pure il precedente spin-off di Guerre Stellari, Rogue One: A Star Wars Story, aveva visto Tony Gilroy subentrare a Gareth Edwards per dei reshoot, eppure alla fine il film è riuscito molto bene ed è stato un successo sia di pubblico che di critica.

 

Ma veniamo alle motivazioni: Lord e Miller, già registi di 21st Jump Street e di The LEGO Movie, hanno spiegato di avere abbandonato il progetto a causa di insanabili "divergenze creative". E The Hollywood Reporter spiega anche con chi si erano create, queste divergenze.

 

I problemi sarebbero arrivati quando lo sceneggiatore Lawrence Kasdan, già autore degli script de L'Impero colpisce ancora e de Il ritorno dello Jedi, al lavoro sullo spin-off di Han Solo assieme al figlio Jon, si sarebbe lamentato dell'approccio dei due registi.

 

Lord e Miller hanno, come si può evincere anche dai loro passati lavori, un approccio "comedy" al cinema. Per Kasdan, invece, Han Solo non è un personaggio da commedia: è sarcastico, cinico, ma va preso sul serio.

 

Alla fine questa differenza di vedute si è rivelata fatale per il duo registico. E ora, con la produzione in pausa forzata, si pensa già ai possibili sostituti. Tra questi figurano i nomi del già citato Tony Gilroy, dello stesso Kasdan e di Joe Johnston, regista di Jumanji.

 

Ma il rumor più "succoso" riguarda uno dei registi di maggiore successo degli ultimi anni, ovvero Ron Howard, regista di film come Il codice Da Vinci e i due sequel Angeli e demoni e Inferno, oltre che di Cocoon, Apollo 13 e Rush.