La domenica soffiano Venti di Guerra su Sky Cinema Classics

Inserire immagine
Platoon

La domenica è di guerra su Sky Cinema Classics. Ogni giorno di festa, in prima e seconda serata, arrivano i film bellici più belli di sempre. Tra gli altri l'epocale La Grande Fuga con Steve McQueen e Charles Bronson e Platoon, pellicola diretta da Oliver Stone vincitrice di quattro Premi Oscar

C'è una filmografia infinita sull'epica della guerra. Dalla chiave ironica alla ricostruzione storica, dall'invenzione bellica al ritratto di eroi, positivi o negativi che siano. A luglio su Sky Cinema Classics vanno di scena i migliori classici di guerra, l'appuntamento è ogni domenica in prima e seconda serata. Si comincia domenica 2 in prima serata con due miti del cinema, ovvero Steve McQueen e Charles Bronson impegnati a progettare l’evasione da un campo nazista in quella pietra miliare del genere che è La Grande Fuga; in seconda serata è la volta di un altro cult firmato da Enzo Castellari che ha ispirato Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino: è Quel maledetto treno blindato.



Steve McQueen ne La Grande Fuga

Domenica 9 luglio vanno di scena la leggendaria resistenza dell'aviazione inglese contro quella tedesca de I lunghi giorni delle Aquile con Michael Caine, e la ricostruzione dell'eccidio delle Fosse Ardeatine in Rappresaglia, con Marcello Mastroianni che è un prete che va incontro al destino difendendo fino all'ultimo i condannati a morte e Richard Burton che è un gerarca nazista che pare abbia un'anima finché non si tratta di eseguire gli ordini e allora è soldato allo stato puro.



I 7 Senza Gloria

L’appuntamento di domenica 16 è con La Brigata del Diavolo con William Holden e con I 7 Senza gloria ancora con Michael Caine. Domenica 23 luglio la serata prevedere il capolavoro di Oliver Stone, Platoon, una finestra tragica, cruda e cruenta sulla guerra in Vietnam che ha conquistato ben quattro Oscar e gli scenari apocalittici di una Terza guerra mondiale in Alba Rossa con Patrick Swayze e Charlie Sheen diretti da un geniale John Milius.