Bryan Cranston, non è mai troppo tardi per diventare Cult

Bryan Cranston Trumbo
Bryan Cranston in L'ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo

Domenica 27 agosto dalle 18.50, nel corso della rassegna Facce da Cult, Sky Cinema Cult rende omaggio a Bryan Cranston, diventato celebre grazie al ruolo da protagonista in Breaking Bad e presente in pellicole di spicco come L’ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo e All The Way.

Ci ha messo un po’ di tempo, prima di diventare una superstar internazionale, ma dopotutto, è il risultato quello che conta. E ora Bryan Cranston, diventato celebre grazie al ruolo di Walter White nella serie tv di culto Breaking Bad, è diventato uno degli attori più apprezzati del momento.

A rendere omaggio a questo grande interprete ci pensa Sky Cinema Cult (canale 314), che per una sera lo rende protagonista di Facce da Cult, la rassegna dedicata agli attori di spicco del cinema italiano e internazionale.

Domenica 27 agosto a partire dalle 18.50 andranno quindi in onda alcuni dei film più amati con Bryan Cranston. Si comincia con L’ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo, storia del noto sceneggiatore hollywoodiano, che è valsa a Cranston la nomination agli Oscar nel 2016 come Miglior attore protagonista. Nel cast anche Diane Lane, Helen Mirren, John Goodman ed Elle Fanning.

In prima serata, alle 21, sarà la volta di All the Way, biopic targato HBO prodotto da Steven Spielberg e diretto da Jay Roach (a sua volta regista di L’ultima parola). Nella pellicola in questione Bryan Cranston interpreta il presidente degli Stati Uniti Lyndon B. Johnson nei suoi giorni alla Casa Bianca. Al suo fianco star del calibro di Anthony Mackie e Melissa Leo.

Chiude la serata, alle 23.15, un autentico cult come Drive, film di Nicolas Winding Refn che ha per protagonista Ryan Gosling nel ruolo di un laconico stuntman e pilota per rapinatori di banche. A Cranston il ruolo di Shannon, proprietario dell’officina in cui lavora l’innominato Pilota. Con loro sul set Carey Mulligan, Christina Hendricks, Ron Perlman e Oscar Isaac.