Captain Fantastic: l’utopia al potere

Inserire immagine

Appuntamento, in prima tv, domenica 10 settembre alle 21.15 su Sky Cinema Uno - Viggo Mortensen nel ruolo di un padre che rifiuta la società contemporanea nel film premiato dal pubblico al Festival di Roma e Un Certain Regard a Cannes per la regia di Matt Ross

Si può vivere la propria utopia essendo padre di sei figli? Si può isolarli nel cuore delle foreste del Nord America, lontano dalla società, per dargli un'educazione marxista, fargli festeggiare il compleanno del filosofo e anarchico Noam Chomsky, renderli colti in tutto e abituarli a sopravvivere con la caccia?  E’ quello che fa talebanamente il padre di Captain Fantastic, Ben (Viggo Mortensen), nel film di Matt Ross che arriva in prima tv, domenica 10 settembre alle 21.15 su Sky Cinema Uno.

Bisogna dire che Captain Fantastic è un padre fuori dal comune, che dedica la propria vita a trasformare i suoi figli in adulti straordinari ("re filosofi come nella Repubblica di Platone", dice a un certo punto), ma tutto questo alla lunga funziona? Quando una tragedia si abbatte sulla sua famiglia, costringendolo a lasciare quel paradiso faticosamente costruito, scopre che i suoi ragazzi nel mondo esterno sono inadeguati. Sanno tutto della vita, ma solo da quello che hanno letto nei libri, non la conoscono. Se, come capita al più grande dei suoi figli di incontrare per la prima volta una ragazza, lui le si getta ai piedi e chiede subito di sposarla, perché' cosi è per chi non frequenta il mondo e dell'amore conosce solo la chimica dei feromoni.

Nel cast anche Frank Langella, Missi Pyle, Erin Moriarty, George MacKay, Ann Dowd, Samantha Isler, Annalise Basso, Kathryn Hahn e Steve Zahn.

Frase cult di Captain Fantastic quella che pronunciano i tonici figli di Ben quando entrano in un centro commerciale: "Ma qui sono tutti malati, sono tutti grassi".