Neruda tra amore e dittatura

Inserire immagine
Oscar Peluchonneau è interpretato da Gael García Bernal

Gael Garcia Bernal e Luis Gnecco sono i protagonisti di questo film che si propone come un racconto allegorico e allo stesso tempo veritiero sulla figura del poeta e su un capitolo della storia cilena. L'omaggio a Neruda è su Sky Cinema Cult sabato 23 settembre alle ore 21

Una "intrusione" nella vita di Pablo Neruda, il grande poeta cileno, uno dei massimi intellettuali del Novecento. L'appuntamento con Neruda è lunedì 23 settembre alle ore 21 su Sky Cinema Cult. Il regista è Pablo Larrain;  Con: Luis Gnecco è il poeta, Gael García Bernal è il prefetto Oscar Peluchonneau mentre Alfredo Castro è il presidente Videla.

Il film è un racconto allegorico ma realistico, veritiero sulla figura di Pablo Neruda e su un capitolo della storia cilena. Siamo in Cile nel 1948. Durante la Guerra Fredda, il senatore Pablo Neruda accusa il governo di tradire il partito comunista e viene accusato dal Presidente González Videla. Il prefetto Oscar Peluchonneau deve arrestare il poeta che cerca di fuggire dal paese insieme alla moglie la pittrice Delia del Carril (l'attrice Mercedes Moràn). Con la complicità del Partito Comunista e di alcuni amici, la coppia riesce a nascondersi nel sud del paese, in una zona coperta di gelo e di neve.

La voce narrante è quella di Óscar Peluchonneau, un uomo ossessionato dal poeta e dalle sue composizioni. In questi momenti drammatici Neruda riesce comunque a essere ispirato è a redigere la celebre raccolta di poesie Canto General. In Europa la caccia al poeta diventa leggenda, questo uomo braccato è un mito per molti, a partire da un gruppo di artisti, capitanati da Pablo Picasso, che reclamano la sua libertà. Pablo Neruda capisce che può diventare un simbolo per la Democrazia e capisce che la vera sfida è con Peluchonneau. Neruda, consapevole delle sue ossessioni, lo sfida e l'ispettore ci casca, vive male gli lascia indizi e i tormenti che il poeta gli dissemina intorno. Quello che è uno spicinio per chi lo osserva da fuori è una partita nella quale Neruda è la resistenza e Peluchoennau è l'oppressore.