Pablo Neruda tra il racconto allegorico di Larrain e il genio di Troisi

Inserire immagine

In ricordo del grande poeta cileno Pablo Neruda , Sky Cinema Cult , a 44 anni dalla sua morte, dedica un’intera serata all’artista Premio Nobel per la Letteratura . Alle ore 21.05 , in prima visione , troviamo Neruda , il film allegorico di Pablo Larrain che ben racconta la storia del poeta e della sua nazione. In seconda serata , invece, non poteva mancare Il Postino , commovente addio al cinema di Massimo Trois i, qui nelle vesti di un uomo umile, iniziato alla poesia proprio dal grande Pablo

Il 23 settembre 1973, a Santiago del Cile, veniva a mancare il grande poeta e diplomatico Pablo Neruda, e con lui “il più grande poeta del XX secolo in qualsiasi lingua” secondo Gabriel García Márquez. A 44 anni dalla morte, Sky Cinema Cult, dedica al Premio Nobel per la Letteratura 1971, un’intera serata con gli omaggi più significativi dedicati all’artista.

In prima serata troviamo Neruda di Pablo Larrain, una narrazione allegorica che descrive la storia del poeta e del suo paese d’origine. Il racconto di Larrain, uno dei registi più interessanti del cinema contemporaneo, è stato presentato al Festival di Cannes 2016 e mostra, senza banalizzare, le tante sfaccettature del protagonista: artista e politico, teso tra pubblico e privato, fuga e resistenza.

Un incredibile Luis Gnecco dà volto al poeta comunista, mentre Gael García Bernal è qui Oscar Peluchonneau, l’ispettore incaricato dal presidente di catturare e mettere a tacere la scomoda figura dell’artista. Il film è la storia di questo gioco di ‘guardie e ladri’ che ha contribuito a far crescere in Europa il mito di Neruda come oppositore dell’oppressione.

La seconda serata è, invece, dedicata a un grande classico, Il Postino, commovente addio al cinema di Massimo Troisi.

L’attore e regista, qui, veste i panni di Mario Ruoppolo, uomo umile che vive su un’isoletta del sud Italia dove è giunto in esilio proprio il poeta cileno. Il personaggio di Troisi viene incaricato di consegnare la posta a Neruda e diviene l’unico postino di un villaggio dove la popolazione è gran parte analfabeta. Tra una lettera e l’altro Mario resta affascinato dall’artista e con lui impara a discutere di poesia e metafore mentre cresce la loro genuina amicizia. Sarà proprio il poeta ad aiutare, infatti, il ragazzo a conquistare a suon di versi la donna che ama. Una storia delicata, commovente e profonda resa indimenticabile dal genio di Troisi.

Il film è ispirato al romanzo Il postino di Neruda di Antonio Skármeta ed ha ottenuto uno straordinario successo di critica e di pubblico tanto da essere inserito nella lista del 1000 migliori film di sempre del New York Times.