Kevin Spacey, coming out dopo le accuse

Kevin Spacey coming out gay
Dopo le accuse di molestie, Kevin Spacey ha fatto coming out su Twitter rivelando di essere gay
@Getty Images

L’attore due volte premio Oscar Kevin Spacey, accusato dal collega Anthony Rapp di molestie, si è scusato e ha rivelato di essere gay.

 

KEVIN SPACEY, LE ACCUSE DI MOLESTIE

Proprio mentre lo scandalo legato alle accuse di molestie e stupro a carico di Harvey Weinstein sta scuotendo Hollywood fino alle fondamenta, un nuovo caso ha destato scalpore, soprattutto perché riguarda uno degli attori più amati e apprezzati degli ultimi decenni: il due volte premio Oscar Kevin Spacey, protagonista tra l’altro di un coming out a sorpresa.

Nei giorni scorsi Anthony Rapp, attore che ha cominciato la propria carriera da bambino e che tra le altre pellicole è stato protagonista nel 2005 di Rent, aveva accusato Kevin Spacey di averlo molestato durante una festa quando lui aveva solo 14 anni. 

Nel corso del party che ha avuto luogo ormai più di 30 anni fa, l’allora 26enne Kevin Spacey, visibilmente ubriaco, avrebbe tentato di sedurre e baciare Rapp, nonostante questi fosse minorenne. Quando il protagonista di American Beauty e House of Cards ha letto la dichiarazione del suo collega, ha scritto su Twitter di essere profondamente rammaricato, ma di non ricordare l’accaduto. E ha ufficialmente chiesto scusa, affermando che quanto successo lo ha spinto ad affrontare altre questioni riguardanti la sua vita.

IL COMING OUT DI KEVIN SPACEY

Alle scuse, Kevin Spacey ha fatto seguire il coming out: l’attore ha infatti dichiarato con un tweet di essere omosessuale. In passato, Spacey era sempre stato molto riservato riguardo alla propria vita sessuale e in alcune occasioni aveva esplicitamente negato di essere gay

“Nella mia vita”, scrive Kevin Spacey, “ho avuto relazioni sia con uomini che con donne. Ho amato e avuto incontri romantici con uomini durante tutta la mia vita, e scelgo ora di vivere da uomo gay. Voglio gestire tutto questo con onestà e apertamente, e questo comincia con esaminare il mio stesso comportamento”.