Il documentario HBO su Steven Spielberg arriva alla Festa del Cinema di Roma

Inserire immagine

La Festa del Cinema di Roma 2017 è arrivata al rush finale: domenica 5 novembre verranno consegnati i premi. Ma intanto per il suo penultimo giorno, il festival ci regala Il documentario HBO sul leggendario regista Steven Spielberg della pluripremiata Susan Lacy. Prossimamente in tv su Sky Cinema e Sky Arte 

Il documentario Spielberg targato HBO sarà presentato in anteprima al Festival del cinema di Roma sabato 4 novembre e prossimamente in esclusiva TV su Sky Cinema e Sky Arte HD.  

L’acclamata produttrice e regista Susan Lacy ripercorre l’evoluzione di questo leggendario film-maker attraverso quasi 30 ore di interviste esclusive allo stesso Spielberg, ai suoi genitori, ai suoi colleghi e collaboratori, tra cui Francis Coppola, Brian De Palma, George Lucas, Martin Scorsese, Tom Hanks, John Williams, Janusz Kamiński e Leonardo Di Caprio. La regista Susan Lacy ha affrontato tutta la carriera di Spielberg, dagli esordi in Super 8 fino ai blockbuster con l’amico George Lucas, passando per i capolavori come Lo Squalo e Schindler’s List.

L’esclusivo documentario targato HBO, che l’Entertainment Weekly ha definito “Un valido apprezzamento a uno dei più grandi registi di tutti i tempi di Hollywood”, affronta i quasi 50 anni di carriera in cui Steven Spielberg ha dato vita ad un impareggiabile catalogo di film, ma qui Spielberg si toglie i panni da regista per parlare di chi e/o cosa ha influenzato la sua regia e le sue motivazioni, condividendo aneddoti poco conosciuti al grande pubblico e relativi ad alcuni dei suoi film più rappresentativi. L’acclamata produttrice e regista Susan Lacy ripercorre l’evoluzione di questo leggendario film-maker attraverso quasi 30 ore di interviste esclusive al notoriamente riservato Spielberg e alla sua famiglia, ai suoi amici e colleghi. Passando in rassegna la variegata filmografia del regista, il documentario rivela in che modo le esperienze vissute da Spielberg abbiano alimentato il suo lavoro e l’abbiano  cambiato nel tempo, dando più spazio a temi familiari quali separazione, riconciliazione, patriottismo, umanità, prodigio che sono molto ricorrenti nei suoi lavori. Proponendosi come un ritratto profondamente intimo,  il film combina la narrazione personale con l’esplorazione del processo creativo e della straordinaria maestria per i quali Spielberg si è distinto sugli altri, lasciando un’impronta indelebile nella storia cinematografica.