Un profilo per due: l’amore e la vecchiaia ai tempi dei social network

Il 31 agosto esce nei cinema con Officine Ubu , Un profilo per due , la tenera e divertente commedia francese sull’amore nell’epoca dei social network, diretta da Stéphane Robelin con l’icona del cinema d’oltralpe Pierre Richard , Yaniss Lespert e Fanny Valette

Arriva il 31 agosto nelle sale italiane, distribuito da Officine UBU, il film Un profilo per due, la tenera e divertente commedia francese diretta dal regista e sceneggiatore Stéphane Robelin e interpretata dall’icona del cinema d’oltralpe Pierre Richard (La capra, Lost in Paris), Yaniss Lespert e Fanny Valette.

Un film sull’amore, la solitudine, l’amicizia e le relazioni nell’epoca dei social network. L’ottantenne Pierre e il giovane Alex sono i protagonisti di questa brillante storia: due generazioni a confronto, l’uno intraprendente, l’altro goffo, in una trasposizione in chiave moderna del Cyrano de Bergerac.

Inserire immagine
Un profilo per due narra le vicende di  Pierre (Pierre Richard), un vedevo ottantenne che vive in solitudine da quando è mancata la moglie. Per questo sua figlia decide di regalargli un computer, nella speranza di stimolare la sua curiosità e – perché no? – di permettergli di conoscere nuove persone. Grazie agli insegnamenti del trentenne Alex, Pierre impara a navigare e presto s’imbatte in un sito di appuntamenti online. Utilizzando l’identità di Alex, Pierre conosce Flora63, un’affascinante giovane donna, e se ne innamora. Anche la giovane rimane affascinata dallo spirito romantico dei suoi messaggi e gli chiede un appuntamento. Intrigato da questa nuova avventura, Pierre deve a questo punto convincere Alex ad andare all'incontro al suo posto…
Inserire immagine
“Con Un Profilo per due - ha avuto modo di dire il regista Stéphane Robelin - v olevo raccontare una storia moderna con cui lo spettatore si potesse identificare. Internet è un segno della modernità. Le generazioni più giovani che ci sono nate e cresciute non si rendono conto di quanto questo strumento abbia cambiato tutto. Ha aperto il mondo a nuove possibilità di comunicare, viaggiare, incontrarsi, condividere le esperienze, sognare, crearsi una nuova identità e persino innamorarsi, quasi da un giorno all’altro. E tutto questo senza nemmeno uscire di casa! Raramente abbiamo avuto a disposizione un veicolo migliore per la nostra immaginazione. Allo stesso tempo, essendo un strumento relativamente nuovo, alcune persone anziane non hanno avuto la possibilità di apprendere come utilizzarlo nella vita di tutti i giorni. Mi sembrava una grande opportunità fare incontrare un anziano signore e un giovane uomo davanti a un computer. Poi ho sviluppato la storia. L’anziano signore seduce virtualmente una giovane donna e se ne innamora follemente. Grazie a lei trova una nuova prospettiva di vita, ma deve continuare a mentire per far evolvere questa relazione, e siccome ha usato la foto del suo insegnante di Internet per conoscerla, è fondamentale mandare lui a incontrarla al suo posto. Un Profilo per due è sostanzialmente un Cyrano dei nostri tempi. Pierre potrebbe essere Cyrano, Alex, Cristiano e Flora, Rosanna… ma le somiglianze con i personaggi di Rostand finiscono qui, perché il mio film è una commedia a lieto fine.
Ho riso la prima volta che ho letto la sceneggiatura, - ha affermato Pierre Richard - una cosa che mi era mai successa solo con La capra e Professione… giocattolo . I dialoghi erano così ricchi che non vedevo l’ora di essere sul set. Inoltre, anziano come sono, interpretare il ruolo dell’amante… La prospettiva era allettante!