Non c’è campo: Federico Moccia torna con un nuovo film dal 1° novembre

Federico Moccia  torna al cinema (dal 1° novembre con Koch Media ) con Non c’è campo dedicato alla dipendenza da cellulare. Nel cast un gruppo di 18 attori giovanissimi coadiuvati da alcuni “attori” più grandi: Vanessa Incontrada, Gianmarco Tognazzi, Corrado Fortuna e Claudia Potenza. In occasione della sua uscita, Sky Cinema Family manderà in onda qualche minuto in anteprima del film. Appuntamento venerdì 27 ottobre alle 20.50

Ci aveva già provato e con grande successo di critica e pubblico Paolo Genovese con il suo “Perfetti sconosciuti” ad inventarsi un film con al centro lo strumento principe dei nostri giorni: ovvero il cellulare.

Ora, anche Federico Moccia celebra il telefonino con il suo nuovo film  Non c'e' campo in sala dal 1° novembre con Koch Media. Infatti proprio lui, il cellulare, con i suoi social, la messaggistica di tutti i tipi, il vero motore di questa commedia che mette in scena il panico 2.0 che si prova quando il proprio telefono non è più operativo: "neppure una tacca" è la frase-tormentone di 'Non c'e' campo'.

Questa la storia. Laura (Vanessa Incontrada) è una professoressa di liceo, sposata con Andrea (Gianmarco Tognazzi), che insieme a una sua collega, Alessandra (Claudia Potenza), si trova ad accompagnare i suoi allievi ad una visita culturale di una settimana nello studio di un artista di fama internazionale, Gualtiero Martelli (Corrado Fortuna). Me c’è un problema: lo studio dell'artista è a Scorrano, provincia di Lecce, un paesino dove non c’è segnale, ovvero il cellulare non prende.   Per i ragazzi di questa classe in gita, un vero dramma. Senza telefonino si interrompono di colpo tutti i loro legami virtuali e meno virtuali, creando una realtà nuova, quella del contatto diretto, una cosa che sembra del tutto estranea alla generazione dei diciottenni di oggi.

Inserire immagine
"Per il mio ritorno alla regia – ha spiegato Moccia, dietro la macchina da presa dopo quattro anni (Universitari - Molto più che amici ) - ho scelto di raccontare una storia di grande impatto emotivo, unendo la mia conoscenza del mondo dei giovani con l’attualità della società moderna. Insieme alle due autrici, Chiara Bertini e Francesca Cucci - continua lo scrittore-regista -, la sceneggiatura è stata scritta partendo da un'idea molto semplice e tuttavia divenuta essenziale in questo momento storico. Facebook, Whatsapp, Snapchat, Twitter, Instagram: la nostra esistenza è intasata da cose che fino a pochi anni erano impensabili, ed ora invece appaiono indispensabili. Una vita senza continuo accesso alla comunicazione ci sembra impossibile da condurre, ne risentirebbero il lavoro, i nostri rapporti sociali, e, in alcuni casi, la nostra stessa autostima".   E spiega ancora l'autore di Tre metri sopra il cielo : "Il ritorno all'era pre-internet e pre- connessione continua è la sfida che devono affrontare i protagonisti del film. Re-imparare a stringere rapporti umani, a guardarsi negli occhi e a sostenere il peso di ciò che dicono, non più nascosti dietro quell'anonimato garantito dalla rete che fa sentire invincibili. Sappiamo però che spesso la tecnologia è una mera cassa di risonanza per problemi che, in quanto esseri umani, abbiamo avuto da sempre e sempre avremo".
Inserire immagine
E conclude Moccia: " Ho puntato sulla credibilità dei personaggi, che fossero veri, ma non posso dire che Non c’è campo sia solo per i ragazzi, non si tratta di giovani e vecchi, ma solo di una questione di spirito". Nel cast del film, circa una ventina di giovani attori tra cui Mirko Trovato), Beatrice Arnera e Caterina Biasiol.
Inserire immagine