Fotogallery 09 luglio 2013

Oggetti smarriti, pellicola surreale

  • Giorgio Molteni dirige una pellicola a dir poco surreale, che fa riflettere oltre che sorprendere lo spettatore - QuattroZeroQuattro
  • Giorgia Wurth in una scena del film - QuattroZeroQuattro
  • Guido (Roberto Farnesi) è un architetto quarantenne che pensa solo alle donne, alle macchine e alla bella vita... - QuattroZeroQuattro
  • ... talmente superficiale da dimenticarsi di avere una figlia di sei anni, Arianna (Ilaria Patanè), che lo adora. Fin quando la piccola non gli sparisce letteralmente da sotto il naso - QuattroZeroQuattro
  • Giorgia Wurth è Silvia - QuattroZeroQuattro
  • Chiara Gensini è Sofia, la bella vicina di casa di Guido - QuattroZeroQuattro
  • Il film di Molteni è particolare, perchè vi è un narratore nella storia, interpretato da Michelangelo Pulci - QuattroZeroQuattro
  • Michelangelo Pulci in una scena del film - QuattroZeroQuattro
  • Dapprima Guido pensa ad uno scherzo, poi immagina che Arianna se ne sia andata, ma dove? In breve l'uomo arriva ad immaginare le cose più serie e spav entose per quanto improbabili - QuattroZeroQuattro
  • Ilaria Patanè è alla sua prima esperienza cinematografica - QuattroZeroQuattro
  • Roberto Farnesi e Ilaria Patanè - QuattroZeroQuattro
  • Padre e figlia in un tenero momento - QuattroZeroQuattro
  • Roberto Farnesi in una scena del film - QuattroZeroQuattro
  • Una scena di "Oggetti smarriti" - QuattroZeroQuattro
  • Giorgia Wurth è la - QuattroZeroQuattro
  • La madre di Guido è interpretata da Francesca Faiella - QuattroZeroQuattro
  • Una scena tratta dal film - QuattroZeroQuattro
  • Una surreale scena del film - QuattroZeroQuattro
  • Un suggestivo scatto da "Oggetti smarriti" - QuattroZeroQuattro
  • Una scena tratta dal film - QuattroZeroQuattro
  • "Oggetti smarriti" esce al cinema l'11 luglio - QuattroZeroQuattro
  • - QuattroZeroQuattro
  • La locandina del film, in arrivo nelle sale a partire dall'11 luglio - QuattroZeroQuattro
/

Un piccolo incidente di percorso quotidiano, dalla sparizione di un cacciavite alla scomparsa di una bambina, “mette in riga” Guido: è questa la trama del film di Giorgio Molteni, che si inserisce nel genere del cinema indipendente