Fotogallery 23 maggio 2015

Cannes 2015, essere o non essere sul Red Carpet

  • Justin Kurzel, Marion Cotillard e Michael Fassbender, rispettivamente regista e protagonisti del film Macbeth
    Getty Images
  • Justin Kurzel, Marion Cotillard e Michael Fassbender alla premiere del loro film Macbeth
    Getty Images
  • Justin Kurzel, Marion Cotillard e Michael Fassbender salutano la Croisette dal tappeto rosso
    Getty Images
  • Justin Kurzel, Marion Cotillard e Michael Fassbender, un trio affiatatissimo
    Getty Images
  • Justin Kurzel, Marion Cotillard e Michael Fassbender alla premiere di Macbeth
    Getty Images
  • Il lato più nascosto di Justin Kurzel, Marion Cotillard e Michael Fassbender
    Getty Images
  • Justin Kurzel, Marion Cotillard e Michael Fassbender si abbracciano sul red carpet di Macbeth
    Getty Images
  • Justin Kurzel, Marion Cotillard e Michael Fassbender
    Getty Images
  • La meravigliosa Marion Cotillard a Cannes gioca in casa
    Getty Images
  • Marion Cotillard sfila sul red carpet di Macbeth
    Getty Images
  • Michael Fassbender saluta il tappeto rosso del suo film Macbeth
    Getty Images
  • Marion Cotillard e Michael Fassbender, meravigliosi protagonisti di Macbeth
    Getty Images
  • La divina Sienna Miller alla premiere di Macbeth
    Getty Images
  • Sienna Miller e il regista Xavier Dolan sul tappeto rosso di Macbeth
    Getty Images
  • Sienna Miller sfoggia un abito a balze da sogno
    Getty Images
  • Il regista Guillaume Nicloux, la producer Sylvie Pialat, il producer Jean-Baptiste Dupont e l’attore Dan Warner del film Valley of Love alla premiere
    Getty Images
  • Il regista Guillaume Nicloux, la producer Sylvie Pialat, il producer Jean-Baptiste Dupont e l’attore Dan Warner sul tappeto rosso della premiere del loro film Valley of Love
    Getty Images
/

Anche se la Croisette ha salutato la première di Macbeth del regista australiano Justin Kurzel con protagonisti i favolosi Michael Fassbender e Marion Cotillard, è la frase di Amleto a calzare a pennello. Perché essere o non essere sul tappeto rosso più esclusivo che ci sia fa davvero la differenza, parola di Sienna Miller