Fotogallery 24 gennaio 2017

Fuocoammare di Gianfranco Rosi candidato agli Oscar 2017!

  • Questo film e' diventato politico, al di la' di tutto". Lo ha detto il regista 'Fuocoammare', Gianfranco Rosi, commentando la nomination del docu-film agli Oscar di Hollywood in una conferenza stampa tenutasi via Skype tra Roma e Tokyo, dove Rosi si trova in questi giorni per la promozione della pellicola. "Quando ho iniziato a girare il film - ha aggiunto il cineasta - non mi ero reso conto della tragedia dei migranti che era in atto e che poi e' aumentata in maniera esponenziale. Mi preme sottolineare che questa connotazione politica che ha preso il film non era nell'intenzione iniziale". Rosi ha poi affermato: "So che con il cinema non si puo' cambiare il corso della storia, ma ho sempre sperato che questo grido di aiuto che emerge da 'Fuocoammare' potesse essere colto e capito. E credo che questo sia il risultato enorme che abbiamo ottenuto"
  • Il film, prodotto da Donatella Palermo e Gianfranco Rosi, è una produzione 21Uno Film, Stemal Entertainment, Istituto Luce-Cinecittà e Rai Cinema ed è una coproduzione italo-francese Les Films D’Ici e Arte France Cinema
  • Seguendo il suo metodo di totale immersione, Rosi si è trasferito per più di un anno sull’isola facendo esperienza di cosa vuol dire vivere sul confine più simbolico d’Europa raccontando i diversi destini di chi sull’isola ci abita da sempre, i lampedusani, e chi ci arriva per andare altrove, i migranti
  • David di Donatello 2016, Fuocoammare di Gianfranco Rosi: Miglior produttore a 21Uno Film, Stemal Entertainment, Istituto Luce-Cinecittà, Rai Cinema, Les films d'ici avec Arte France Cinema
  • Samuele e i lampedusani sono i testimoni a volte inconsapevoli, a volte muti, a volte partecipi, di una tra le più grandi tragedie umane dei nostri tempi
  • David di Donatello 2016, Fuocoammare di Gianfranco Rosi si candita a Miglior montaggio con Jacopo Quadri
  • Fuocoammare racconta di Samuele che ha 12 anni, va a scuola, ama tirare con la fionda e andare a caccia
  • Rosi si è trasferito per più di un anno sull’isola facendo esperienza di cosa vuol dire vivere sul confine più simbolico d’Europa raccontando i diversi destini di chi sull’isola ci abita da sempre, i lampedusani, e chi ci arriva per andare altrove, i migranti. Da questa immersione è nato Fuocoammare
  • A Samuele piacciono i giochi di terra, anche se tutto intorno a lui parla del mare e di uomini, donne e bambini che cercano di attraversarlo per raggiungere la sua isola
  • Fuocoammare di Gianfranco Rosi
/

Fuocoammare di Gianfranco Rosi, sugli sbarchi dei migranti a Lampedusa, ha ottenuto la nomination come miglior film documentario e correrà' per la 89esima edizione degli Oscar.
Il regista ha così commentato la candidatura: "Questo film è diventato politico, al di là di tutto;ho iniziato a girare il film non mi ero reso conto della tragedia dei migranti che era in atto e che poi è aumentata in maniera esponenziale."