Fotogallery 23 febbraio 2016

Lo chiamavano Tiger Boy

  • Matteo, un bambino di nove anni, costruisce una maschera identica a quella del suo mito: un wrestler di Corviale chiamato Il Tigre. Una volta indossata non è più disposto a togliersela: ci va a scuola, ci dorme, ci fa addirittura il bagno. Quello che a prima vista viene scambiato come un capriccio è in realtà una chiara richiesta d’aiuto che nessuno riesce a cogliere
  • Sua madre (Lidia Vitale) pensa che sia solo un capriccio, Matteo chiede aiuto a gran voce ma nessuno sembra sentirlo. Nel silenzio del mondo adulto, l'incontro con un operaio Naoto Date gli farà trovare la forza per sconfiggere l'orco maligno (Francesco Foti) e le sue molestie
  • Tiger Boy proiettato in oltre 30 festival e ha vinto il Grand Prix al Festival di Brest European Short 2012, la Renault Award per il miglior cortometraggio al Festival Internazionale del Cinema di Flickerfest 2013 in Australia e il Nastro d'Argento 2013 in Italia. Il corto, insieme ad altri nove progetti in gara, anche sbarcati nella rosa dei candidati per la nomination all'Oscar nella categoria "Vivere Action Short" agli 86th Academy Awards
  • Il regista Mainetti e lo sceneggiatore Nicola Guaglianone mescolano critica sociale e azione, nel buio in una Roma materna e della sua periferia, catturando la bellezza della città insieme con i suoi aspetti più squallidi e più pericolosi
  • Un'immagine tratta dal corto "Tiger Boy"
  • Foto tratta dal backstage di Tiger Boy
  • Un'immagine tratta dal corto "Tiger Boy"
  • Un'immagine tratta dal corto "Tiger Boy"
  • Un'immagine tratta dal corto "Tiger Boy"
  • Un'immagine tratta dal corto "Tiger Boy"
  • Un'immagine tratta dal corto "Tiger Boy"
  • Un'immagine tratta dal corto "Tiger Boy"
  • Un'immagine tratta dal corto "Tiger Boy"
  • Un'immagine tratta dal corto "Tiger Boy"
/

Gabriele Mainetti, il talentuoso regista di Lo chiamavano Jeeg, (dal 25 febbraio nei cinema) ha realizzato Tiger Boy, un emozionante corto su un tema importante come il disagio di un bambino che si nasconde dietro lo “scudo” di una maschera da Wrestler. Appuntamento su Sky Cinema Cult, mercoledì 24 febbraio alle 21.20