Fotogallery 28 febbraio 2016

Le nomination e gli Oscar più discussi del 21esimo secolo

  • Non sempre una nomination o un trionfo agli Oscar è accolto con il consenso generale. Spesso, anzi, il bello di questi riconoscimenti sta nelle discussioni che innescano. Il magazine Flavorwire ha scelto le nomination e gli “award” più discussi di questo primo scorcio di secolo -
  • Vi ricordate Chocolat, il film di Lasse Hallstrom con Juliette Binoche e Johnny Depp? In caso affermativo siete tra i pochi. Secondo il magazine Flavorwire, la maggior parte degli spettatori ha dimenticato questo film, che nel 2001 ha raggranellato ben 5 nomination, nel tempo tragitto dal cinema alla macchina -
  • Secondo Flavorwire, il merito del successo di Chocolat va attribuito ai fratelli Weinstein e alla loro Miramax, capace di produrre film belli e azzeccati ma anche di saperli “vendere” molto bene, a volte mascherando qualche difetto. Come nel caso di Chocolat -
    Getty Images
  • Non tutte le nomination sono egualmente condivise dalla critica. Una di quelle che più ha fatto storcere il naso ai critici di Flavorwire è quella, risalente al 2002, di Sean Penn come migliore attore in “Mi chiamo Sam”. Non vinse – per fortuna secondo il magazine – ma si rifece successivamente trionfando con grandi interpretazioni in “Mystic River” e “Milk” -
  • Nel 2002 la vittoria di “Shrek” nella categoria miglior film di animazione non stupì nessuno: il personaggio è successivamente entrato nella storia dei cartoni animati. A far storcere il naso ai critici di Flavorwire è invece la candidatura a “Miglior sceneggiatura non originale”: troppi, secondo il magazine, i riferimenti ad altri cartoni per poter ambire a quel premio -
  • “Shrek” è stato il primo cartone ad aggiudicarsi la statuetta nella categoria film di animazione anche grazie a continui riferimenti alla storia del genere animato. Proprio per questo la nomination nella categoria “Miglior sceneggiatura non originale” era troppo, secondo Flavorwire -
    Getty Images
  • Tra i film che hanno vinto un Oscar “Crash”, trionfatore nel 2006, è uno di quelli che ha il consenso più basso tra critica e pubblico su varie piattaforme online dedicate al cinema. Non sorprende che Flavorwire lo inserisca nella lista delle vittorie più controverse di questo secolo -
  • Insieme a Ennio Morricone il compositore John Williams è uno dei più apprezzati realizzatori di colonne sonore per il cinema. Tra le sue 50 nomination però quella per “War Horse” (2012), uno dei rari flop di Steven Spieberg, non è certo la più meritata, secondo il magazine online Flavorwire -
    Kikapress.com
  • La Pixar, in lizza anche quest'anno con “Inside Out”, ha vinto parecchi Oscar e ricevuto parecchie nomination per i suoi cartoni animati. Anche “Cars” ricevette la candidatura nel 2007 ma secondo Flavorwire non si tratta del miglior lungometraggio della casa di John Lasseter -
    Kikapress.com
  • Meryl Streep è una delle migliori attrici contemporanee. Anche per questo ha ricevuto parecchie nomination, alcune – secondo Flavorwire - per interpretazioni non memorabili. Per esempio quella come “Miglior attrice non protagonista” per il film “Into the Woods” nel 2015 -
    Kikapress.com
  • Nel 2012 il film “Flight”, diretto da Robert Zemeckis e interpretato da Denzel Washington, si è assicurato anche la nomination per la “Migliore sceneggiatura”. Tuttavia, secondo Flavorwire, la storia è troppo piena di cliché per meritarsi un simile riconoscimento -
  • Nel 2010 quando “Blind Side”, film interpretato da Snadra Bullock e diretto da John Lee Hancock, ricevette la nomination nella categoria “Miglior film” in molti storsero il naso. Quattro anni dopo, secondo Flavorwire, quella scelta resta ancora assai discutibile -
    Kikapress.com
  • E nel 2016 qual è la candidatura all'Oscar più controversa? Secondo i critici di Flavorwire quella di Alejandro Gonzales Inarritu che nella direzione di “The Revenant”, dice il magazine, ha peccato di enfasi e di eccessivo presenzialismo registico -
    Kikapress.com
/

Grandi capolavori, superbe interpretazioni ma anche film e attori che hanno diviso critica e pubblico. Il magazine Flavorwire ha stilato una personalissima lista delle pellicole e degli artisti che hanno vinto o rischiato di vincere una statuetta suscitando perplessità, polemiche e discussioni. LE IMMAGINI