Fotogallery 03 agosto 2017

Photographs of Films, film interi condensati in una solo foto

  • L’artista Jason Shulman cattura l’intera durata di un film in una singola immagine. Qui Arancia Meccanica di Stanley Kubrick. Credits: Jason Shulman
  • Taxi Driver. Shulman posizione la sua fotocamera davanti allo schermo con una lunga esposizione. In questo modo tutte le scene del film vengono sovrapposte. Credits: Jason Shulman
  • I colori accessi e passionali di Caligola di Tinto Brass. The Guardian ha paragonato l’effetto finale delle foto di Shulman a quadri impressionisti. Credits: Jason Shulman
  • Il Silenzio degli Innocenti. Nonostante la sovrapposizione delle scene, si possono ancora distinguere alcuni dettagli e il mood visivo di ciascuna pellicola. Credits: Jason Shulman
  • I colori accesi di Dumbo della Walt Disney. Credits: Jason Shulman
  • The Rocky Horror Picture Show è una delle pellicole ritratta da Shulman con la maggiore varietà di colori. Credits: Jason Shulman
  • Il viaggio nella luna di Georges Méliès. L’effetto finale è quello di un quadro metafisico. Credits: Jason Shulman
  • L’atmosfera rarefatta di 2001 Odissea nello Spazio. Credits: Jason Shulman
  • La Dolce Vita con il suo bianco e nero. Credits: Jason Shulman

     

  • I colori caldi predominano anche nella Grande Bellezza di Paolo Sorrentino. Credits: Jason Shulman
  • Contrariamente al titolo, in Velluto Blu di David Lynch predominano i colori caldi. Credits: Jason Shulman
  • Il giallo è il colore predominante in Alice nel Paese delle Meraviglie della Walt Disney (1951). Credits: Jason Shulman  
  • Shining di Stanley Kubrick. È il famoso corridoio quello che si intravede in questo scatto? Credits: Jason Shulman
  • Le tonalità magiche del Mago di Oz (1930). Credits: Jason Shulman
  • Gola Profonda di Gerard Damiano. Credits: Jason Shulman
  • La Vita è Bella di Roberto Benigni. Credits: Jason Shulman
  • Trainspotting di Danny Boyle. Credits: Jason Shulman
  • I colori caldi (anzi, torridi) di Per un pugno di dollari di Sergio Leone. Credits: Jason Shulman
/

Prendi un film, metti una macchina da presa di fronte con una lunghissima esposizione e ottieni uno scatto che condensa tutte immagini di cui è fatta la pellicola. L’idea è dell’artista inglese Jason Shulman .