I 20 migliori film comici

Inserire immagine
Non ci resta che piangere, un capolavoro disponibile su Sky On Demand

Ridere è la medicina più potente e valida che esista. Per curarsi lo spirito a suon di battute di spirito, ecco una selezione di alcine delle  pellicole comiche più esilaranti dal 1974 a oggi, da Ti presento i miei a Non ci resta che piangere passando per Fusi di testa e Scary Movie

di Camilla Sernagiotto

 

Film comici: l’importanza del riso nella dieta del buonumore

 

“Meglio è di risa che di pianti scrivere, ché rider soprattutto è cosa umana”.

Così scriveva lo scrittore comico francese Francçois Rabelais nel Cinquecento.

E anche il nostro Aldo Palazzeschi si espresse al riguardo, ricordandoci nel Controdolore che ridere, benché venga spesso travisato come indice di superficialità, è invece sintomo di animo grande: tutti sono in grado di piangere, basti pensare alla prima cosa che fa un neonato non appena vede la luce; ma per concedersi una bella risata, bisogna maturare.

Proprio in onore del riso e del divertimento che sta alla base, Sky Cinema Comedy programma da sempre le sue giornate e serate all’insegna della comicità.

Se una mela al giorno toglie il medico di torno, di certo un film comico al dì fa sparire il malumore dai paraggi.

Ecco quindi un elenco di venti titoli che potrete usare come potentissimi antidoti alla tristezza e alla noia. Sono stati accuratamente selezionati basandoci sul quantitativo di lacrime versate durante la visione. Ovviamente stiamo parlando di lacrime provocate dalle risate: tutti e venti i seguenti film rispettano proprio il paradigma della risata, quella genuina e naturalissima, la risata bio insomma.

Film più divertenti di sempre, film italiani e stranieri, film adatti a tutta la famiglia ma anche pellicole da vedere solo in compagnia di amici maggiorenni (almeno di testa)... le visioni sono varie ma tutte hanno come fil rouge lo Spasso con la S maiuscola!  

 

La lista dei migliori film comici

 

Ti Presento i Miei (2000)

Una coppia di fidanzati decide di fare il grande passo: presentare lui ai genitori di lei. Così vanno a trascorrere il week end da loro, senza mettere in conto che il padre della ragazza non solo è diffidente ma è anche, all’insaputa di tutti, un ex agente della Cia. E in quanto tale, userà ogni strumento (macchina della verità compresa) per mettere alle strette l’aspirante marito della figlioletta. Una pellicola che mette il buon umore anche solo a leggere il cast. Le gag di cui è assiepata la trama sono davvero spassose. Perfetto per chi è in odore di fiori di arancio e vuole ridere di gusto delle disgrazie altrui.

 

Yuppies, i giovani di successo (1986)

Willy, Giacomo, Lorenzo e Sandro sono i quattro giovani rampanti che vivono negli aurei anni Ottanta a Milano, tra divertimento, edonismo e lusso sfrenato. Se per Amleto il dilemma era “essere o non essere”, per loro non c’è quesito alcuno: l’importante non è essere ma apparire. Un gioiellino della comicità nostrana firmata Carlo Vanzina che vi farà ridere a crepapelle in compagnia dei mostri sacri dell’Olimpo comico tricolore: Jerry Calà, Christian De Sica, Ezio Greggio e Massimo Boldi. Un film da vedere e rivedere assieme agli amici di sempre, magari quelli un po' preppy e borghesotti con cui trascorrete le vacanze a Santa Margherita e a Cortina. Ma anche con gli ex compagni di judo andrà più che bene.

 

Jackass – The Movie (2002)

Il divertentissimo circo umano capitanato da Johnny Knoxville nel programma televisivo Jackass ha riscosso un successo tale da far migrare le pazzie di Steve O e compagnia bella dal piccolo al grande schermo. Jackass – The Movie vi fa vivere le pazze avventure dei pazzi stunt, facendovi sbellicare dalle risate senza nemmeno avere il tempo di riprendervi tra una risata e l’altra. Questa è la visione perfetta per una serata in compagnia degli amici più svitati della vostra rubrica. Adatto solo a chi non si azzarderebbe mai a provare a fare ciò che fanno sullo schermo quei pazzi di Steve-O & Company.

 

Fusi di testa (1992)

Due ragazzi che, come recita il titolo, sono fusi di testa trasmettono un programma altamente demenziale direttamente dal loro garage. Il loro bislacco show viene intercettato da un dirigente televisivo che decide di ingaggiarli come conduttori di una trasmissione nazionale. Quello che accadrà dopo vi farà venire i crampi alla pancia. Dal ridere. Un film perfetto per chi ama le gag demenziali e i capelloni metallari. Se siete voi stessi capelloni metallari, la visione è d'obbligo.

 

Scary Movie (1991)

Il primo capitolo della fortunatissima epopea comic-horror è un concentrato di divertimento. Per chi fosse stato su Marte negli ultimi decenni, si tratta di un film-parodia che omaggia i più celebri film dell’orrore facendogli il verso. L’unico verso che emetterete voi, invece, sarà quello delle sonore risate che non riuscirete a trattenere. Adatto a chi ha il terrore dei film horror ma vuole comunque stare al passo con le scene più memorabili del cinema (ma facendosela sotto non dalla paura ma dal ridere, ovviamente).

 

Scemo & più scemo (1995)

Due amici alquanto insoliti e strambi si innamorano della stessa ragazza e la inseguono in un circolo vizioso di bizzarre avventure al limite del demenziale. Questo film cult è il titolo che ha consacrato Jim Carrey a Re della Comicità con la C maiuscola. Da guardare assieme al migliore amico, possibilmente più scemo di voi.

 

Scuola di polizia (1984)

Intere generazioni di americani e non si sono divertiti a guardare le pazze avventure di questo gruppo di aspiranti poliziotti che frequentano la scuola messa a titolo. Vero gioiellino in cui è incastonata una preziosa comicità anni Ottanta, si tratta di un cult che chi ama il genere non può esimersi dal guardare! Adatto a chi va pazzo per la disciplina militare... da non seguire minimamente!

 

Mr. Bean - L'ultima catastrofe (1997)

Le celebri gag comico-demenziali dell’altrettanto celebre attore inglese Rowan Atkinson sono condensate in un unico lungometraggio, assicurando agli spettatori risate che non si godevano dai tempi di Benny Hill. Questa visione è perfetta per chi adora i comici di poche parole ma tante tante risate provocate. Una pellicola che si può gustare sia da soli sia in compagnia.

 

Una notte da leoni (2009)

Nemmeno se uno vi facesse il solletico per due ore ridereste così tanto. Ciò è quello che promette il film campione di incassi Una notte da leoni, spassosissima storia di un gruppo di amici che si reca a Las Vegas per un addio al celibato ma, tra bagordi, follie e viziacci, va a finire che… perde misteriosamente lo sposo! Una pellicola da guardare sia se si è in odore di fiori d’arancio sia se si è in procinto di divorziare: in entrambi i criticissimi momenti della vostra vita, questo film vi aiuterà a risollevarvi il morale. D'obbligo è guardarlo in compagnia di chi vorreste al vostro addio al celibato.

 

Non Guardarmi, non ti sento (1989)

Richard Pryor e il grande Gene Wilder sono gli irresistibili protagonisti di questo capolavoro della comicità targata anni Ottanta. Uno cieco e l’altro sordo, l’accoppiata vivrà avventure e situazioni surreali e tutte da ridere. Un vero capolavoro nonché un potentissimo antidepressivo. Da vedere e rivedere da soli oppure con l'amico di sempre, possibilmente quello più sordo ai buoni consigli.

 

Weekend con il morto (1989)

Sempre rimanendo nel panorama della commedia americana targata Eighties, anche questa pellicola è un cult che non può mancare nella videoteca dell’amante dei film comici. Due giovani impiegati di una compagnia assicurativa scoprono una truffa  e avvisano il capo, il quale li invita a raggiungerli nella sua casa al mare per approfondire il discorso. Ma in realtà il capo vorrà farli fuori, dato che è proprio lui ad avere ordito l’illecito. Le cose andranno storte per lui e sarà proprio il boss a rimetterci la pelle. Esilarante sarà l’avventura on the beach dei due ignari protagonisti che si ritroveranno a condividere ombrellone e pedalò con un cadavere esanime… Da morire dalle risate, rimanendo in tema. Perfetto per chi odia il capo e sogna a occhi aperti di farlo fuori.

 

Zoolander (2001)

L'attore Ben Stiller qui anche nelle vesti da regista. E non solo in quelle: Derek Zoolander, il personaggio che interpreta, è un modello sempre super fashion che, in seguito a una delusione, torna nel suo paesino natale a lavorare nella miniera assieme al padre e ai fratelli. Ma il mondo della moda ti inghiotte ben più voracemente di una miniera, parola di Zoolander. Oltre al grande Ben Stiller, a fare coppia con lui c’è un altro mostro sacro della commedia a stelle e strisce: Owen Wilson. La pellicola perfetta per chi odia la moda e ama deridere il mondo che gravita attorno alle passerelle.

 

Non ci resta che piangere (1984)

Roberto Benigni e Massimo Troisi sono i protagonisti di un capolavoro di comicità senza tempo tutta italiana. I due giovani che interpretano si ritroveranno scaraventati indietro nel tempo, precisamente nel 1492, anno della partenza di Cristoforo Colombo per le Americhe. Se a loro non resta che piangere, agli spettatori non rimane che ridere fino alle lacrime. Il film del cuore di chi ha nel cuore la comicità italiana fatta di grandi nomi quali Benigni e Troisi, da vedere sia da soli sia in compagnia.

 

Robin Hood – Un uomo in calzamaglia (1993)

Quando comicità va a braccetto con un nome come quello di Mel Brooks, il risultato non può che essere esilarante. E così è: la leggenda di Robin Hood viene reinterpretata in chiave comico-demenziale, con punte geniali in gag e sketch che diventeranno dei tormentoni a cui ripensare nei momenti bui per tirarvi su il morale. Perfetto per chi adora la demenzialità altamente intelligente e tagliente di Mel (non Gibson).

 

Mamma, ho perso l'aereo (1990)

È Natale e la famiglia McCallister è pronta per partire per le vacanze. Ma una volta decollato l’aereo, la madre si rende conto di avere dimenticato qualcosa: non il gas acceso, nemmeno il ferro da stiro attaccato o la porta aperta bensì… il figlio più piccolo! Sarà così che Kevin si ritroverà a fare l’uomo di casa e non solo: anche il cane da guardia, dato che si ingegnerà per scacciare i due maldestri ladri intenzionati a svaligiargli la casa. Un classico della risata da strappare sotto il vischio. Adatto a chi ama trascorrere le vacanze di Natale fuori casa ma è terrorizzato all'idea di ricevere una visita tramite camino non solo da Babbo Natale...

 

Frankenstein junior (1974)

Ancora una volta Mel Brooks e ancora Gene Wilder, già due buoni motivi per non perdere questo film di culto che dagli anni Settanta diverte intere generazioni. Wilder veste qui i panni del nipote del Dottor Frankestein che torna nel castello del nonno per cntinuare gli esperimenti sui cadaveri da dove erano stati lasciati. Tra lui e l’irresistibile Marty Feldman che interpreta il servitore gobbo, questa pellicola vi seppellirà di risate a crepapelle. Adatto a chi adora Robert Louis Stevenson ma ama ancora di più Gene Wilder.

 

Funeral party (2007)

Non lasciatevi ingannare dal titolo: questo film è tutto fuorché un mortorio! Nei paesi anglosassoni è tradizione celebrare i funerali bevendo e mangiando tutti assieme, cosa che accade anche nel caso della veglia funebre attorno cui ruota questa divertentissima pellicola americana. I parenti radunatisi per il party funereo si ritroveranno invischiati in una serie di inconvenienti, gag e situazioni assurde che vi faranno piangere, come a un vero funerale. Ma le lacrime che vi righeranno le gote sono frutto delle grasse risa. Lo può guardare solo chi non ha avuto recenti perdite in famiglia e a chi non spiacerebbe trasformare la propria veglia funebre in un addio al celibato in stile Una notte da leoni.

 

Borat (2009)

Borat è un giornalista della televisione del Kazakhstan viene inviato negli Stati Uniti per girare un reportage sul più grande paese del mondo. Ma l’inviato speciale (molto speciale) è più interessato a Pamela Anderson, che vorrebbe trovare e sposare. Un film assurdo e unico nel suo genere che vi lascerà a bocca aperta per il livello di demenzialità geniale che riesce a toccare. Da guardare solo per chi adora le trame totalmente dissennate e prive di collegamenti logici. Qui il fil rouge è la follia più demenziale.

 

Il Grande Lebowski (1998)

Per un equivoco dato da omonimia, Jeffrey Lebowski si ritroverà incastrato in una storiaccia fatta di killer e pistole puntate alla tempia. Ma il Drugo riuscirà a cavarsela tra colpi di scena scioccanti, equivoci al limite del surreale e imprevisti che vi stordiranno più dei White Russian di cui va pazzo il protagonista. Un cult firmato fratelli Coen, il che equivale ad avere un sigillo di garanzia di qualità e comicità intelligente. Perfetto per chi ama bere in compagnia, indossare maglioni kitsch, essere sempre trasandato e ficcarsi nei guai a ogni angolo.

 

Una poltrona per due (1983)

Due finanzieri fanno una scommessa circa la tesi marxista secondo la quale è l’ambiente a creare l’uomo e non viceversa. Decidono di passare dalla teoria alla pratica e sostituiscono a un loro impiegato un truffatore di strada, che dimostrerà di sapersi muovere davvero bene nell’alta società finanziaria. Si ride dall’inizio alla fine. Il film perfetto per ogni giornata del periodo natalizio, sia essa la Vigilia o la Befana. Guardatelo pure da soli, anche se una poltrona da condividere in due sarebbe il top. Se proprio va bene, è passabile anche il divano, tanto per essere più comodi.